IMG_0183_edited.png
Mediatrice Feuerstein
Il destino delle persone è oggi, molto più che nel passato,  nelle mani delle persone stesse. Senza i necessari strumenti cognitivi l'individuo non può costruirsi un futuro che renda possibile la realizzazione del proprio potenziale di crescita. 
Reuven Feuerstein

Osservare negli anni le difficoltà nello sviluppo cognitivo e nell’inserimento scolastico dei bambini adottati, e in generale la crescente quantità di certificazioni per disturbi dell’apprendimento e dell’attenzione, mi ha spinta ad approfondire l’ambito dello sviluppo delle abilità cognitive. La mia convinzione era che molte difficoltà, certificate come difficoltà dell’apprendimento o franchi ritardi cognitivi, fossero in realtà legati a problematiche più ampie o comunque basate su cause multifattoriali. La letteratura e gli studi attuali stanno confermano queste intuizioni. La grave conseguenza di una diagnosi errata o mal posta è che anche l’intervento sarà starato o poco mirato. Il mio approfondimento di questo ambito mi ha permesso di sviluppare un modello di valutazione e intervento dinamico, evolutivo e personalizzato, ispirato al metodo di Reuven Feuerstein ed alla sua teoria della Modificabilità Cognitiva Strutturale, ormai ampiamente supportato dai moderni studi di neuroscienze. In estrema sintesi l’autore parte dall’idea che, essendo il cervello un organo plastico, può essere modificato strutturalmente in ogni fase della vita con un adeguato percorso di “mediazione” (Esperienza di Apprendimento Mediato). Egli supera il vecchio concetto di QI misurato in modo statico ed effettua un'analisi delle funzioni cognitive "bloccate" e delle loro possibilità evolutive, sostenendo che con il giusto percorso di mediazione, ogni persona può aumentare i suoi gradi di funzionamento mentale. L’altro concetto interessante è che non è la semplice mancanza di stimoli a causare il blocco di alcune funzioni mentali, ma l’assenza di un “mediatore” di questi stimoli. La presenza di un mediatore esperto, che faccia sperimentare al bambino percorsi appositi, potrà quindi permettergli di sviluppare processi cognitivi bloccati. Dopo essermi formata al PAS (Programma di Arricchimento Strumentale) presso il Centro per lo sviluppo delle attività cognitive di Milano e ispirandomi alle precedenti premesse teoriche, ho dato vita a laboratori per gruppi di bambini e a percorsi individuali ottenendo eccellenti risultati.